HomeSportArti marziali, come mantenersi in forma con filosofia

Arti marziali, come mantenersi in forma con filosofia

Prendersi cura del proprio corpo è un mood ricorrente, nell’ultimo ventennio.

Avere un corpo attraente, ridurre il rischio di malattie e aumentare la propria aspettativa di vita sono tutti buoni motivi per avere uno stile di vita sano. Tuttavia, l’investimento necessario per mantenere una vita equilibrata a volte è pesante da sostenere.

Le arti marziali sono uno sport perfetto non solo per conquistare un corpo atletico, imparare a difendersi e costruire la propria autostima, ma anche per liberare la mente dallo stress e riconquistare un benessere interiore.

Arti marziali: cosa sono

Le arti marziali sono tecniche di combattimento a corpo libero o con uso di attrezzi. Assumono vari nomi: karate, jujitsu , judo, boxe inglese, francese e tailandese, kung-fu, tai chi, aikido.

La pratica di questa disciplina consente di concentrare le forze e le risorse di ciascun individuo sull’incontro con se stesso e con le sue potenzialità nascoste.
Le arti marziali sono, infatti, veri generatori di sviluppo personale.

Arti marziali: perché praticarle

Le arti marziali fanno lavorare tutti i muscoli del corpo attraverso sequenze di movimento e ritmo. Il sistema cardiovascolare guadagna in efficienza e i muscoli prendono il posto del grasso. Si può combattere in palestra o all’aria aperta, perché le arti marziali sono un mix di esercizio fisico, concentrazione e meditazione. I benefici sono tanti e ancora inesplorati, perché visitando i territori reconditi delle nostre risorse, il percorso dell’evoluzione diventa illimitato.

Perdita di peso

Le arti marziali consentono di compiere un lavoro completo sul corpo: le sessioni sono molto intense e si concentrano sull’esplosività. Tra salti con la corda, faticosi esercizi di split o sparring contro avversari di pari livello, si lavora per bruciare il massimo dei grassi.

Flessibilità

Le arti marziali prevedono sessioni dedicate allo stretching, ovvero ad aumentare la flessibilità. Negli sport da combattimento di piedi, come il Muay Thai, questa dote consente di sferrare più facilmente i calci alti. Nel caso, invece, della boxe inglese, la flessibilità aumenta la potenza dei pugni perché consente migliori rotazioni del busto e un maggior controllo dei fianchi nel momento dello spostamento del peso.

Mobilità e riflessi

La coordinazione dei muscoli è la chiave per una perfetta esecuzione delle diverse tecniche marziali. I riflessi si acuiscono grazie all’osservazione dell’avversario.

Riduzione dei rischi cardiovascolari

Gli sport da combattimento prevedono allenamenti a intervalli regolari: questo metodo stimola la frequenza cardiaca e la resistenza. L’apporto di ossigeno aumenta e la pressione sanguigna si abbassa.

Superare i confini personali

Le arti marziali mettono a dura prova sia il fisico sia la mente. Anche la ripetizione dei movimenti tecnici richiede pazienza e impegno per dare i suoi frutti.

Aumentare la fiducia in se stessi e limitare lo stress

Le arti marziali insegnano a controllare la respirazione e a concentrarsi sul combattimento. La concentrazione, a sua volta, alimenta il senso di benessere e relax, sia fisico sia mentale.

Questa sensazione è il primo passo per migliorare la fiducia in se stessi, che si alimenta con la padronanza di nuove tecniche. La consapevolezza di potersi difendere, se necessario, è un potente catalizzatore per l’autostima. E l’autostima, di conseguenza, è un’arma contro lo stress.

Migliore gestione della rabbia

Le arti marziali permettono di esprimere la tua rabbia in un ambiente sicuro e controllato: la palestra. La rabbia fa venire voglia di colpire e cosa c’è di meglio di un sacco da boxe o di un avversario che reagisce sotto l’occhio vigile dell’allenatore?