HomeBenessereTrattamento esfoliante: perché è importante lo scrub per il cuoio capelluto e...

Trattamento esfoliante: perché è importante lo scrub per il cuoio capelluto e quali sono i benefici

A cosa serve lo scrub per il cuoio capelluto

Lo smog, i residui dei prodotti per lo styling e la polvere favoriscono l’accumulo di cellule morte e impurità che occludono inevitabilmente i pori, impedendo ai capelli di crescere sani e forti. A differenza di un normale shampoo, pensato per le lunghezze, lo scrub per il cuoio capelluto agisce sulla cute purificandola in profondità, riequilibrando i livelli di pH e stimolando i follicoli piliferi. L’applicazione regolare dell’esfoliante (2-3 volte al mese) equivale ad un trattamento rigenerante e ristrutturante. Inoltre, dopo lo scrub, la cute sarà più ricettiva e capace di assorbire con facilità i principi attivi di prodotti utili, ad esempio, per rinforzare i capelli e stimolare la crescita.

Come applicare lo scrub per il cuoio capelluto

Utilizzare lo scrub per il cuoio capelluto prima del normale shampoo migliora il benessere della cute e di conseguenza della chioma. L’esfoliante riduce nel tempo l’antiestetico effetto crespo, stimolando la ricrescita ed evitando la rottura delle fibre. Il trattamento casalingo consiste nell’inumidire o bagnare i capelli e separarli in sezioni, in modo tale da raggiungere tutti i follicoli piliferi. Il prodotto (acquistabile in qualsiasi negozio per la cura ed il benessere della chioma, nei supermercati e in erboristeria) va quindi applicato su tutto il cuoio capelluto e massaggiato delicatamente con i polpastrelli con un movimento circolare, insistendo su riga centrale, nuca e sopra le orecchie. Il trattamento aiuterà a stimolare la microcircolazione con grande beneficio per la tua capigliatura. Trascorso qualche minuto, è sufficiente sciacquare con abbondante acqua tiepida eliminando qualsiasi residuo e procedere con il normale shampoo e balsamo.

Scrub per il cuoio capelluto: ricette fai-da-te

In commercio trovi un’ampia varietà di prodotti per un’esfoliazione dolce ed efficace, ma se desideri prendere confidenza con questa nuova tecnica e capire come reagisce la cute, puoi sempre provare a realizzare uno scrub per il cuoio capelluto casalingo. Il caffè, energizzante per eccellenza, è senza dubbio il miglior ingrediente per stimolare i follicoli piliferi, rendere la cute ricettiva, rinforzare i capelli soggetti a rottura. Per realizzare un buon esfoliante dalla consistenza granulosa ti basterà versare in una ciotola 2 cucchiai di caffè in polvere, 2 gocce di tea tree oil e 2 cucchiai di olio di oliva. Mescola fino ad ottenere un composto cremoso e applica sulla chioma bagnata, eseguendo dei movimenti lenti e circolari. Al termine risciacqua abbondantemente. In alternativa, per un peeling dall’effetto purificante ed efficace contro i capelli grassi, realizza un buon esfoliante unendo 1 cucchiaino di bicarbonato, il succo di mezzo limone (preferibilmente biologico) e qualche goccia di shampoo delicato. Questo scrub per il cuoio capelluto è perfetto per eliminare la forfora, senza ricorrere a prodotti aggressivi; inoltre, ha azione sebo-regolatrice. Ovviamente, non è indicato per la cute secca e sensibile. Per un’azione rinforzante non c’è nulla di meglio di un esfoliante a base di 1 cucchiaino di olio di cocco, 1 di sale marino, 1 di miele e 1 di aceto di mele. La combinazione di questi ingredienti è fondamentale per creare un prodotto anti-forfora e anti-caduta. Il composto libera i pori da residui di lacca o gelatina, da polveri e smog grazie all’azione del sale. Inoltre, l’olio di cocco nutre in profondità il cuoio capelluto mentre l’effetto addolcente del miele lenisce eventuali irritazioni. Parliamo quindi di un trattamento casalingo completo che agisce su più fronti garantendo risultati ottimali su tutti i tipi di capelli e di cute (perfino le più sensibili e delicate).