HomeBenessereMeditazione: tutto quello che bisogna sapere per vivere meglio

Meditazione: tutto quello che bisogna sapere per vivere meglio

A che cosa serve la meditazione e in che modo questa pratica può arrecare un beneficio alla nostra vita di tutti i giorni, andando ad armonizzare il rapporto con gli altri e, soprattutto, con se stessi?

I principali benefici della meditazione

Meditare vuol dire introspezione e lettura delle emozioni che si stanno provando in un dato momento. Significa immergersi con lo sguardo del pensiero direttamente nel proprio essere: praticare con costanza la meditazione è, dunque, utile per godere di molteplici benefici. Vediamo i principali.

Pazienza e calma

Tutti coloro che meditano con cadenza abituale ottengono un certo livello di quiete mentale, una calma che viene poi trasposta nelle azioni abituali. Inoltre, l’approccio verso le relazioni sociali subisce un cambiamento sostanziale, in quanto la persona che pratica con costanza la meditazione non dipenderà più dai pensieri e dalle parole delle altre persone ma, al contrario: sarà in grado di sfruttare pienamente le proprie reali emozioni, comunicando con la massima pacatezza.

Quindi, la pratica quotidiana e abituale della meditazione consente di raggiungere un livello di tranquillità interiore tale da renderci capaci di non essere condizionati dagli avvenimenti esterni, che impareremmo a lasciarci scivolare addosso, come qualcosa che inevitabilmente segue il suo flusso senza intaccarci.

Miglioramento del rapporto con il proprio corpo

La nostra sensibilità nei confronti del corpo è dinamica: può mutare in favore della comprensione della nostra bellezza interiore e dei nostri pensieri. Inoltre, una volta che saremo maggiormente rilassati, anche la postura migliorerà. La meditazione rappresenta un valido aiuto nella gestione del dolore provocato da infortuni fisici di varia natura e di quelli psicologici, come ansia o depressione, capaci di generare dei veri e propri squilibri a livello psicofisico.

Cambiamento di vedute e maggiore apertura mentale

Nel preciso momento in cui ci avvicineremo alla pratica della meditazione, inizieremo a visualizzare con maggiore chiarezza i nostri pensieri. Infatti, la concentrazione e la memoria saranno interessate da un miglioramento riscontrabile in prima persona. Inoltre, necessiteremo di tempi più ridotti per prendere le giuste decisioni legate al nostro sentire.

Migliorerà anche la nostra apertura mentale e saremo più capaci di resistere alle distrazioni della vita quotidiana. Saremo in grado di comprendere maggiormente la visione delle persone che ci circondano.

In che modo ci si può avvicinare alla pratica della meditazione

Per iniziare la propria seduta di meditazione, è sufficiente selezionare un’area tranquilla e protetta dalle fonti di distrazione. All’inizio, può essere d’aiuto un angolo di casa propria: tuttavia, con il passare del tempo, anche le zone all’aperto e immerse nella natura potrebbero rappresentare il luogo ideale.

Per cominciare, è importante sedersi mantenendo dritta la schiena, per cercare tutto il rilassamento necessario. Dopodiché, chiudiamo gli occhi, così da isolarci dal resto del mondo e concentrarci sulla nostra interiorità. Una volta trovata la giusta postura, è il momento di pensare alla respirazione. Quest’ultima dovrà partire dal diaframma, espandendosi lentamente verso i polmoni. La respirazione è un elemento importantissimo e perciò durante la meditazione, così come nello yoga, non deve essere assolutamente sottovalutata. Oltre a concentrarci sul nostro respiro, potremo anche individuare un mantra da ripetere per immergerci completamente nel momento presente. Infine, è importante sottolineare che non esiste una durata precisa per ogni sessione: all’inizio potranno bastare anche soli 5 o 10 minuti del nostro tempo. Dopodiché, ci si potrà regolare in base alle proprie preferenze ed esigenze.