HomeBenessereCome alleviare gonfiore e stanchezza delle gambe in estate

Come alleviare gonfiore e stanchezza delle gambe in estate

L’arrivo dell’estate significa fare i conti per più di tre mesi con temperature elevate, afa e umidità. Spesso e volentieri questo cambio termico repentino causa degli effetti collaterali alla nostra pelle e al nostro corpo che si ritrova a dover accumulare liquidi per contrastare sudore e disidratazione. Uno degli effetti più comuni che l’estate porta con sé il gonfiore delle gambe e delle caviglie, dovuto proprio all’accumulo di liquidi nei tessuti a causa del forte caldo.

Estate e gonfiore alle gambe

Il classico gonfiore alle gambe estivo, anche detto edema, è causato principalmente dalle elevate temperature con cui il copro si trova a fare i conti nella bella stagione. Questo avviene principalmente perché con il caldo i vasi sanguigni tendono a dilatarsi e il fluido corporeo si sposta verso le estremità, come appunto gambe, caviglie, mani e piedi.
In alcuni soggetti, quelli non particolarmente abituati ai climi davvero caldi, l’edema è molto più evidente e la sensazione di gonfiore e pesantezza diventa quasi insopportabile. Lo stesso avviene anche per le persone che si trovano a essere in sovrappeso, poiché il loro organismo ha già la tendenza ha trattenere molta più acqua rispetto a chi possiede un peso nella norma.

Non importa che una persona sia anziana o meno, oppure presenti delle patologie, l’edame di gambe e mani può verificarsi anche nei soggetti più sani e in forma, proprio perché la gestione dei liquidi nel nostro corpo è imprevedibile e possono capitare periodo più o meno lunghi in cui ci ritroviamo disidratati o, al contrario, rigonfi di liquidi che, appunto, finiscono per accumularsi.

Come alleviare il gonfiore estivo delle gambe

Avere le gambe gonfie è tra le sensazioni più fastidiose, soprattutto in estate, quando il caldo riduce al minimo le nostre energie. Il rimedio più efficace per contrastare il gonfiore e alleviarne gli effetti è quello di cercare di restare il più idratati possibile ed evitare di uscire nelle ore più calde del giorno, così come bisogna evitare anche i luoghi più caldi, come piazze o spiaggia al sole. Anche il movimento è molto di aiuto in questi casi: passare troppo tempo seduti a riposo, o al contrario, troppo tempo in piedi, non giova all’edema e potrebbe addirittura amplificarne gli effetti. Camminare nelle ore più fresche della giornata, fare una passeggiata prendendo il sole buono in spiaggia, con le gambe in acqua fresca, sicuramente è una delle soluzioni più gettonate per riattivare la giusta circolazione e sgonfiare le gambe.
Se questo non è sufficiente, probabilmente a contribuire al gonfiore delle gambe a causa del caldo c’è anche un’insufficienza venosa.

In questo caso, occorre utilizzare delle calze compressive che sono studiate appositamente per alleviare il fastidio. Esistono, poi, anche dei rimedi d’urto, da attuare più volte al giorno, proprio per evitare di arrivare al limite con i sintomi e mantenere la situazione sempre sotto controllo: gli impacchi di ghiaccio sulle gambe sono uno di questi. Per circa venti minuti ogni tre ore, questo rimedio molto casalingo è uno di quelli che restituiscono il maggior sollievo alle gambe. Anche l’elevazione può risultare un buon sistema per contrastare l’edama e può essere praticata comodamente a casa, ma anche in spiaggia, infatti basterà sollevare le gambe sopra il livello del cuore per circa 30 minuti, per tre o quattro volte al giorno. Oltre a essere una posizione molto rilassante, questa farà in modo che, grazie all’aiuto della forza di gravità, i liquidi scendano verso tutto il resto del corpo, alleviando così il gonfiore estivo alle gambe, o in altri casi, alle mani (in questo caso, l’elevazione verrà praticata con le braccia).