HomeBellezzaUno, nessuno, centomila modi di portare le trecce

Uno, nessuno, centomila modi di portare le trecce

Amate le trecce, ma avete l’impressione che non siano troppo femminili? Ripensateci. In estate la treccia è trendy e sta bene in ogni variante. Potete farne tante e piccole per incorniciare il viso o attorcigliarle a formare una corona. Unico prerequisito? Sapere come farle. Il vantaggio, però, è che, una volta sciolte, lasceranno i capelli in splendida forma.

Le trecce: 3 errori da evitare

Belle sì, ma attenzione ai capelli. Può sembrare banale, ma le accortezze non vanno in vacanza. Le trecce sono un’acconciatura ancestrale: di per sé, non c’è motivo per cui danneggino i capelli, a condizione che seguiate le regole.

Mai su capelli trattati chimicamente

Dopo un trattamento chimico come lisciatura, permanente o tinta, i capelli si indeboliscono. Il loro livello di idratazione non è ottimale, possono diventare porosi e perdere elasticità.
Se si intrecciano subito dopo un trattamento chimico, i capelli tenderebbero a spezzarsi, magari non subito, ma dopo qualche settimana. È consigliabile attendere almeno 15 giorni.

Capelli bagnati: no

Intrecciare i capelli bagnati può essere più semplice: sia per separare i capelli in diverse sezioni sia per manipolare le ciocche, perché, bagnati, i capelli sono più lunghi del 25%.

Una volta asciutti, però, perderanno la lunghezza iniziale ed eserciteranno una trazione sulla radice che può causare ferite al cuoio capelluto o mal di testa.

No trecce troppo strette

Tirare troppo i capelli per fare le trecce può portare all’alopecia (caduta dei capelli). La trazione costante sulla radice, infatti, stacca il pelo dalla papilla, accorciando il ciclo vitale del capello. Ricordate: se non tirano, le trecce durano più a lungo e, quando le scioglierete, potrete godervi le onde.

Trecce: a ognuna la sua

La treccia è un’acconciatura che non passa mai di moda. Perfetta per nascondere un bad day dei capelli, può anche trasformarsi in un’acconciatura sofisticata e chic. Provare per credere.

Ecco, allora, qualche variante semplicissima da realizzare.

Treccia a cascata

Cominciate facendo una treccia francese davanti alla testa. Continuate la treccia facendo cadere la ciocca inferiore e prendendo un’altra ciocca di capelli per sostituirla. Ripetete questo passaggio fino a quando la treccia non ha la lunghezza desiderata. Terminate fissando con le forcine.

Treccia a coda di pesce

Separate i capelli in due sezioni uguali; quindi, prendete una ciocca dal retro di una delle sezioni e portatela davanti all’altra sezione. Ripetete in questo modo fino a quando i capelli sono tutti intrecciati; legate, infine, con un elastico.

La classica treccia francese

Prendete una ciocca di capelli dalla parte anteriore e separatela in 3 parti. Intrecciate, quindi, le prime ciocche e, poi, per ogni nuovo intreccio inserire una ciocca prendendola dai lati della testa. Proseguite fino a intrecciare tutti i capelli, et voilà: la treccia è servita.

La treccia New York style

Spazzolate i capelli all’indietro. Prendete, quindi, i capelli sul lato e intrecciateli in modo classico. Terminate legando la treccia e allentando delicatamente le ciocche con le dita, partendo dal basso. Finite con una coda di cavallo che includa la treccia.

La corona intrecciata

Le corone intrecciate danno sempre un aspetto da vera principessa. Fate una treccia e poi fermatela in alto come uno chignon. È una soluzione perfetta per una serata a due.

Updo con treccia

Per questa treccia, meglio rivolgersi a un parrucchiere. Ma l’effetto wow è assicurato.