HomeBellezzaPulire la pelle alla perfezione con il dry brushing

Pulire la pelle alla perfezione con il dry brushing

Avete mai sentito parlare di dry brushing? Se la risposta è no, è arrivato il momento di saperne di più sull’argomento: questo metodo innovativo è molto di più di un trattamento di pulizia della pelle. Il grande vantaggio dello spazzolamento a secco, infatti, è la rimozione o, almeno, la riduzione di alcuni inestetismi difficilmente eliminabili con altri prodotti. Inoltre, una pratica regolare consente ai principi attivi contenuti in creme e lozioni di entrare più in profondità. Il tutto in modo economico, eco-sostenibile e senza conseguenze negative per la cute: se volete conoscere meglio i dettagli, proseguite nella lettura delle prossime righe.

Dry brushing, ecco di cosa si tratta

Tale tecnica consiste nello spazzolare a secco la pelle, con un’attrezzatura dalle setole naturali (in genere dotata di manico e appositamente studiata per il corpo) al fine di evitare escoriazioni. I movimenti impressi dalla mano sono circolari e devono partire dalla zona più lontana dal cuore (il piede destro) a quella più vicina, sempre in direzione di quest’ultimo. Attenzione: affinché il massaggio sia efficace, l’epidermide deve essere perfettamente asciutta.

Consigli per eseguire il massaggio con la spazzola

Uno dei punti più importanti da ricordare riguarda la pressione esercitata sulle varie zone del corpo. Questa, infatti, non sarà costante, ma varierà in base allo spessore della cute: più la pelle è sottile e delicata, meno il massaggio sarà energico. Aree come l’incavo del ginocchio, l’interno coscia e il ventre sono quelle che richiedono maggiore attenzione in tal senso. Ricordate, inoltre, di non tralasciare la parte posteriore del corpo e di respirare in maniera profonda mentre vi dedicate al dry brushing, in modo da eliminare più rapidamente le tossine accumulate attraverso il sistema linfatico. Ma come capire se il trattamento si sta rivelando efficace? Un buon indicatore è l’arrossamento dell’epidermide, ovviamente non accompagnato da abrasioni né da sanguinamenti.

I motivi per cui lo spazzolamento a secco è un metodo valido

Fatto con le dovute cautele e seguendo i suggerimenti appena dati, il dry brushing è un trattamento in grado di migliorare moltissimo la tonicità e la grana della pelle. Si rivela efficace, in particolare, per:

peli incarniti
ritenzione idrica
ispessimenti cutanei localizzati
• rallentamento del micro-circolo
stati d’ansia e disturbi del sonno
• nervosismo, tensione muscolare e cali di energia.

I benefici del trattamento non si limitano, quindi, all’aspetto puramente estetico, ma si estendono alla sfera psico-fisica.

Il momento giusto per eseguire il trattamento

In verità, non esiste un periodo migliore di un altro per dedicarvi allo spazzolamento a secco, anche se le ore mattutine si rivelano le migliori per eseguirlo. Il motivo non è difficile da comprendere: il dry brushing dà una sferzata di energia, pertanto è l’ideale all’inizio della giornata prima della doccia. Quanto alle tempistiche, 5-10 minuti di massaggio quotidiano o a giorni alterni offrono risultati degni di nota fin dai primi due mesi. L’unica raccomandazione è quella di evitare il viso e altre aree particolarmente delicate.

Come scegliere la spazzola

Partiamo da una premessa: la forma non ha alcuna importanza, in quanto dipende dalle vostre preferenze sull’impugnatura. Il corpo della spazzola è in legno di faggio, mentre le setole sono in fibra di cactus, iuta, agave sisalana o altri componenti eco-friendly. Vi consigliamo di scegliere prodotti di prima scelta, che abbiano superato tutte le verifiche di qualità e, possibilmente, provenienti da aziende che non testano i loro articoli sugli animali.