HomeBellezzaPochi suggerimenti, semplici, ma davvero utili, per migliorare il problema della pelle...

Pochi suggerimenti, semplici, ma davvero utili, per migliorare il problema della pelle a buccia d’arancia

La pelle a buccia d’arancia è un problema che affligge tantissime donne, indipendentemente dalla loro età e dal peso corporeo. Non tutte, però, sanno davvero di che cosa si tratta. Con questa definizione, infatti, si intende un inestetismo cutaneo che colpisce addirittura l’80% delle donne a diversi livelli di gravità. È un’infiammazione localizzata della pelle che, a livello sottocutaneo, accumula dei cuscinetti adiposi che determinano, poi, un ristagno di liquidi. Il risultato è visibile anche ad occhio nudo perché la superficie cutanea perde il suo aspetto naturale liscio e setoso e appare caratterizzata da rilievi più o meno pronunciati che assomigliano proprio alle rugosità di un’arancia.

Perché compare questo inestetismo?

Le cause alla base della comparsa della pelle a buccia d’arancia sono molte e, tra queste, le principali sono:

  • uno stile di vita eccessivamente sedentario;
  • problemi di carattere circolatorio;
  • un’alimentazione non corretta perché povera di fibre, frutta e verdure e ricca, invece, di grassi e zuccheri;
  • la predisposizione genetica (questa è l’unica causa su cui non è possibile intervenire);
  • gli sbalzi ormonali, tipici di alcune fasi della vita femminile, come per esempio in concomitanza del ciclo mestruale, durante la gravidanza o in menopausa;
  • l’utilizzo di capi d’abbigliamento troppo stretti e in fibre sintetiche che non consentono la corretta ossigenazione dei tessuti.

È possibile eliminare la pelle a buccia d’arancia?

Rispettando una serie di semplici consigli e suggerimenti, è possibile ridurre progressivamente la pelle a buccia d’arancia fino a farla scomparire. Se si cambia, poi, in maniera definitiva lo stile di vita, è possibile evitare anche la sua nuova formazione. Per combattere la pelle a buccia d’arancia, quindi, è possibile seguire alcune buone abitudini.

  • Cambiare la propria alimentazione, riducendo il consumo di alimenti grassi e ricchi di zucchero e sale, perché incrementano la ritenzione idrica. Sono da preferire, invece, frutta, verdura, alimenti ricchi di fibre, vitamine e antiossidanti, perché stimolano una corretta circolazione sanguigna.
  • Bere molto: consumare acqua e tisane senza zucchero consente di eliminare le tossine e le sostanza di scarto prodotte dal nostro corpo evitando la ritenzione idrica.
  • Fare molta attività fisica, in modo tale da bruciare le calorie in eccesso che sono state ingerite e favorire lo smaltimento dei grassi superflui. Qualsiasi attività di tipo aerobico è adatta, ma se possibile si dovrebbero praticare degli sport acquatici come il nuoto o l’idrobike perché questi esercizi combinano lo sforzo fisico con il naturale massaggio dei tessuti esercitato dall’acqua.
  • Smettere di fumare e bere bevande alcoliche.
  • Utilizzare un abbigliamento ampio e scegliere dei capi realizzati con fibre naturali come il cotone, la seta e il lino, invece di quelle sintetiche: in questo modo si facilita la traspirazione dei tessuti.
  • Utilizzare dei prodotti cosmetici specifici con costanza e continuità, in modo tale da favorire lo scioglimento dei cuscinetti di grasso.

I trattamenti estetici funzionano davvero?

Dei trattamenti estetici specifici per contrastare la formazione e la localizzazione della buccia d’arancia possono funzionare davvero solo se vengono eseguiti da esperti e con la giusta continuità. Certo, massaggi e creme non fanno i miracoli se non vengono associati al cambiamento dello stile di vita. Tra le creme, si devono scegliere quelle che contengono principi attivi lipolitici, cioè in grado di sciogliere i cuscinetti di grasso.