HomeBellezzaIlluminante per il viso, uno degli imperdibili da tenere nel beauty case

Illuminante per il viso, uno degli imperdibili da tenere nel beauty case

L’illuminante per il viso è uno di quei cosmetici in grado di dare una marcia in più al make-up. Regala luce a un viso stanco e conferisce un aspetto più uniforme alla pelle, con un effetto naturale e senza ostruire i pori.

Disponibile in varie texture, è semplice da utilizzare, anche se richiede qualche accortezza per una corretta stesura. Nelle prossime righe scopriremo tutti i segreti di questo prodotto e come trarne il meglio per un trucco a regola d’arte in qualsiasi momento dell’anno.

Illuminante viso, quali tipologie esistono?

Le crescenti richieste hanno portato i laboratori a elaborare diverse formulazioni, per venire incontro alle esigenze di un pubblico femminile quanto mai variegato. Distinguiamo, pertanto, illuminanti di consistenza:

• in crema
liquida
• in polvere
compatta
• con micro-sfere.

Anche le modalità di applicazione possono fare la differenza e, in base a tale criterio, troviamo articoli:

• con applicatore
• in stick
• con piumino o pennello.

Tenete presente che alcuni prodotti sono più adatti al contorno occhi, mentre altri risultano perfetti per il viso. Per chiarimenti a eventuali dubbi, chiedete consiglio al vostro venditore o make up artist di fiducia.

Illuminante lucido e opaco: qual è il migliore?

La risposta è: dipende dall’uso che ne fate. Le formulazioni con un finish perlescente sono l’ideale per visi dai lineamenti regolari, pelli normali e giovani, oltre per mettere in evidenza dei punti luce strategici.

Quelle opache, invece, hanno un’ottima resa nei giochi di luci e ombre del contouring, nel maquillage per le pelli mature, impure e grasse, vista la loro alta tenuta. Per evitare contrasti molto netti, sfumate bene.

Il momento giusto per l’applicazione

Se avete l’abitudine di dedicarvi al contouring, dovete stendere l’illuminante dopo aver scurito le zone da ombreggiare. In tutti gli altri casi, riservatelo alle aree sotto la coda del sopracciglio, sullo zigomo e sull’arco di Cupido. Ricordate che:

• quello liquido va messo dopo il fondotinta e prima della cipria
• la texture in polvere si può stendere dopo la cipria.

In ogni caso, la tecnica è la stessa: applicate il prodotto a più riprese con movimenti dal centro verso l’esterno e dal basso verso l’alto. Ovviamente, provvederete dopo aver preparato la base, altrimenti lo stacco di colore sarà troppo evidente. Se avete scelto consistenza liquida o in crema, potete picchiettarlo con le dita.

Alcune raccomandazioni importanti

L’illuminante è un asso nella manica per la vostra make-up routine, a patto che scegliate il colore giusto e dosiate il prodotto con parsimonia. Per un impiego ottimale, tenete presente che:

• il pennello porta a un risultato più delicato
• la spugna tende a marcare le zone luminose
• punti come la parte centrale della fronte e del naso non vanno enfatizzati troppo (a meno che non dobbiate fare una foto o un video)
• colori molto chiari e luminosi aumentano, per effetto ottico, i volumi
l’illuminante liquido sulla palpebra superiore fissa rende più difficoltosa la stesura dell’ombretto
• le consistenze fluide durano meno rispetto a quelle in polvere.

Se la vostra pelle mostra cicatrici, brufoli, punti neri, pori aperti e irregolarità di altro genere, vi sconsigliamo l’acquisto di prodotti madreperlati o effetto shining. Meglio una palette duo con colori opachi, dal tono molto vicino a quello del vostro incarnato: farà il suo dovere senza mettere in risalto le imperfezioni.