HomeBellezzaI dieci ingredienti della ricetta (mattutina) della felicità

I dieci ingredienti della ricetta (mattutina) della felicità

La morning routine della felicità comincia ogni giorno prima delle 10 del mattino. Un rituale in piena regola che fortifica lo spirito per condizionare positivamente ogni giornata.

La morning routine della felicità in 10 mosse

Qual è la regola del buonumore? È molto semplice: coltivare il benessere psicofisico, cominciando a prendersi cura del respiro.

1. Dedica tempo alla meditazione

Correre al computer per fare un check delle email, la mattina subito dopo essere scesa dal letto, non è una buona idea. Meglio meditare, calibrando il respiro: ti aiuterà a mantenere la calma e a recuperare serenità. È importante inspirare ed espirare usando la pancia, seduta sul letto o in un posto tranquillo. Dieci minuti al giorno come prima azione daranno risultati sorprendenti.

2. Coltiva la gratitudine

Spostare i pensieri negativi è un’efficace pratica adoperata dagli psicologi. Per ogni cattivo pensiero che assale la mente, sforzati di contrapporne uno positivo. C’è sempre qualcuno da ringraziare: concentrarti su chi sia oggi, ti aiuterà a vedere il bicchiere mezzo pieno.

3. Stabilisci tre obiettivi

Fissare 3 sfide realizzabili ogni giorno vuol dire individuare le priorità. Impegnati e vincerle: servirà a ritrovare fiducia in te stessa.

4. Pianifica le pause

Le pause vanno annotate sull’agenda proprio come le cose da fare. Anche lo spirito ha bisogno di tregua: lo stress attrae i pensieri negativi.

5. Idratati

Nel corso della notte il corpo tende a disidratarsi: bere un bicchiere d’acqua abbondante vuol dire cominciare a nutrirlo e, dunque, a calmarlo. L’acqua tiepida al limone è energizzante, aiuta la digestione e stimola il sistema immunitario.

6. Fai stretching

Aiutare il corpo a svegliarsi dolcemente favorisce la circolazione sanguigna e riduce lo stress.

7. Ascolta musica

Cosa c’è di meglio che una bella colonna sonora per il nuovo giorno? Le tue canzoni preferite ti metteranno di buonumore. Tassativo: evita quelle che ti fanno venire da piangere.

8. Non rimandare

Rimetti in ordine la cucina dove hai fatto colazione, riponi il pigiama e i vestiti sporchi nel portabiancheria. Al rientro, la casa sembrerà più accogliente.

9. Sbriga i doveri più noiosi

La mattina hai più energia: meglio levare di mezzo i compiti più ardui e salvare le cose più divertenti da fare per la fine della giornata, tanto per chiudere in bellezza.

10. Sorridi alla vita

Sforzati di sorridere mentre ti guardi allo specchio. E ricorda di regalare un sorriso a chiunque incrocierai oggi. Sarà come guardare il sole, ogni volta.

La morning routine della felicità: ora tocca a te

Secondo la Neuroscienza, tendiamo a ripetere ciò che ci fa stare bene.

È questo quello che viene definito circolo virtuoso. Più la nostra moning routine ci regala benessere, più facile sarà osservarla ogni giorno.

L’importante è creare un programma personalizzato e su misura, aggiungendo o sostituendo i passi da compiere secondo gusti ed esigenze.

Se sei un tipo proattivo, potrai alternare lo stretching ad altri sport, se sei attratta dai piaceri della tavola, diversificare le ricette dei frullati può diventare divertente. E se vivi in coppia… beh trascina anche il tuo partner, i tuoi figli o un’amica.

Se la legge della vita è nulla si può togliere ma si può solo aggiungere, osservala anche tu: aggiungi alla morning routine la lettura di un libro, del giornale o di una rivista, compila un diario o dedica del tempo alla cura della bellezza, divertendoti a creare maschere e rimedi naturali con gli alimenti che hai in frigorifero. Ma soprattutto ridi, balla e fai una doccia rigenerante, se non proprio fredda almeno tiepida: aiuterà a risvegliare anche il tono muscolare.

La morning routine della felicità: cambiare vita in un anno

Gli psicologi sostengono che adottare una routine quotidiana del buonumore scongiuri non solo il rischio di pensieri negativi e depressione ma possa cambiare in meglio la vita di chiunque nel giro di meno di un anno. Provare per credere…