HomeBellezzaCome usare l’olio di cocco in cosmetica

Come usare l’olio di cocco in cosmetica

Dalla polpa essiccata dei frutti delle palme tropicali del cocco si ottiene il prezioso olio di cocco, un vero e proprio alleato di bellezza utilizzato da secoli per la cura di pelle e capelli. Per il suo contenuto di acido laurico, un acido grasso saturo a catena media noto per le sue proprietà antimicrobiche e antifungine, quest’olio trova largo impiego nei cosmetici che esigono la presenza di sostanze ad azione antisettica.

L’olio di cocco è un concentrato di polifenoli, antiossidanti che ostacolano l’invecchiamento cutaneo, e grazie alle sue proprietà emollienti e nutritive è perfetto per essere impiegato in innumerevoli prodotti di bellezza, quali creme, maschere, scrub, balsami, ecc. Come alimento, è molto nutriente ma presenta una criticità: contiene quantità elevate di grassi saturi, quelli correlati all’aumento del colesterolo “cattivo”. Di seguito andremo a esplorare tutte le proprietà cosmetiche dell’olio di cocco e gli usi come rimedio beauty.

Olio di cocco: benefici per il viso

L’olio di cocco è un toccasana per il viso, soprattutto se si ha la pelle sensibile e secca, poiché agisce come calmante contro gli arrossamenti causati, ad esempio, dalle basse temperature o dall’esposizione solare. Inoltre, sebbene il suo effetto comedogenico lo renda poco indicato per le pelli grasse, se usato con cautela può dare sollievo a chi soffre di acne ed eczema, in virtù delle sue proprietà antimicrobiche. Ottimo per prevenire la formazione delle rughe, può essere utilizzato anche per idratare la delicata pelle del contorno occhi, che tende a perdere facilmente elasticità.

Tra le tante proprietà cosmetiche dell’olio di cocco c’è anche quella di sciogliere le impurità e rimuovere il trucco. Basta massaggiarne una piccola quantità direttamente sul make-up e sciacquare il viso con un po’ di acqua calda per eliminare i residui oleosi. Le sue proprietà idratanti lo rendono poi perfetto come balsamo per le labbra da tamponare all’occorrenza in caso di secchezza e screpolature. Lo si può lasciare in posa tutta la notte oppure, dopo averlo fatto solidificare in frigo, lo si può tenere in borsa e usare nel corso della giornata.

Olio di cocco per il corpo

L’olio di cocco può essere utilizzato anche sul corpo, specialmente se la pelle è molto secca e desquamata: è sufficiente spalmarlo sulla cute umida dopo la doccia per restituirle il giusto livello di idratazione e renderla subito più vellutata. Inoltre, è considerato un ottimo rimedio contro le smagliature, poiché le sue proprietà nutrienti ed emollienti favoriscono la morbidezza e l’elasticità della pelle. Se mescolato a zucchero e sale, può aiutare a esfoliare la pelle in modo delicato. Infine, applicato prima di depilarsi, facilita lo scorrimento del rasoio e previene fastidiosi rossori e irritazioni.

Olio di cocco: come usarlo sui capelli

In virtù dell’elevata presenza di acido laurico, che lo compone per quasi il 50%, l’olio di cocco è un ottimo rimedio per i capelli sciupati dal sole o dall’uso eccessivo di phon e piastra. Inoltre, la vitamina E di cui è ricco è ideale per rinforzare i capelli oltre che per ammorbidirli. Con quest’olio si può realizzare una maschera ristrutturante che rende la chioma lucida e setosa. Basta mescolarlo con la polpa di avocado e il latte di mandorle, applicare la crema ottenuta sul cuoio capelluto e sulle lunghezze e tenerla in posa per mezz’ora prima di procedere con lo shampoo.

Per un effetto lisciante e anticrespo, si consiglia di applicare l’olio di cocco sui capelli asciutti dopo la piega. Infine, massaggiato sul cuoio capelluto, quest’olio aiuta, con le sue proprietà antinfiammatorie, a controllare la secrezione di sebo e a ridurre di conseguenza la forfora.