HomeBellezzaCome infoltire le sopracciglia: i principali metodi naturali

Come infoltire le sopracciglia: i principali metodi naturali

Il progressivo diradamento delle sopracciglia è uno degli effetti collaterali dell’invecchiamento, nonché una conseguenza per tutti coloro che negli anni ‘90 hanno esagerato con l’utilizzo della pinzetta al fine di averle sottilissime.
Questo effetto si fa notare ancora di più in questo periodo, in cui le sopracciglia folte rappresentando indubbiamente una caratteristica affascinante.

Ad oggi, grazie al microblanding, ovvero una tecnica semidefinitiva, o ricorrendo al tatuaggio permanente è possibile dare un effetto di infoltimento alle proprie sopracciglia ottenendo un effetto assolutamente naturale attraverso approcci mini invasivi.

Tuttavia, nel caso in cui volessimo cercare un approccio diverso, è possibile comunque ricorrere ad alcuni metodi naturali che possono essere messi in pratica in totale autonomia anche a casa propria.

I principali rimedi naturali per infoltire le sopracciglia

Innanzitutto è importante sottolineare che l’idratazione è alla base del risultato che desideriamo ottenere. Infatti, una pelle adeguatamente nutrita e idratata è in grado di stimolare la crescita dei peli.

La capacità degli oli vegetali per l’infoltimento delle arcate

Tra i principali rimedi di origine naturale per l’infoltimento delle sopracciglia troviamo al primo posto l’impiego di olio di cocco e di mandorla. Questi potranno essere applicati utilizzando un semplice dischetto di cotone e lasciati in posa per una notte intera. Anche l’olio di oliva rappresenta un valido alleato, tuttavia è bene andarlo a rimuoverlo dopo circa due ore poiché nel caso in cui la nostra pelle fosse naturalmente oleosa verrebbe incrementato il rischio di sviluppare l’acne. In tal caso è comunque possibile sostituire l’olio con dell’aloe vera.

In ogni caso resta sconsigliata la stimolazione delle sopracciglia attraverso la pratica dello scrub. Quest’ultima infatti potrebbe andare a danneggiare i peli meno forti che se sfregati andrebbero persi e potrebbero ricrescere male, andando di conseguenza a formare dei puntini antiestetici.

Sul web circolano moltissimi tutorial riguardanti l’utilizzo dell’olio di ricino per le sopracciglia, tuttavia questo deve essere utilizzato con attenzione in quanto potrebbe rivelarsi meno sicuro. Per questo motivo è importante evitare lunghe applicazioni, ma lasciarlo in posa per una decina di minuti al massimo.

Soap Brows: il make-up per delle sopracciglia perfette

Il Soap Brows è una tecnica utilizzata principalmente dai make-up artist al fine di donare alle sopracciglia un aspetto decisamente più folto e wild.

Il nome di questo procedimento significa, letteralmente, sopracciglia di sapone e rappresenta una sorta di messa in piega che restituisce alla vista delle sopracciglia molto più folte e caratterizzate da un particolare effetto piumato.

Per realizzare il Soap Brows si deve procedere andando a inumidire un pennellino da trucco utilizzando uno spray fissante. Dopodiché, il suddetto pennello dovrà essere passato su di una saponetta prima di iniziare a spazzolare le proprie sopracciglia verso l’alto. Così facendo si renderanno le proprie arcate sopraccigliari volutamente spettinate. A questo punto, utilizzando un apposito ombretto per sopracciglia si inizierà con la correzione del colore andando a coprire eventuali buchi.

Attenzione alla pinzetta: il modo corretto con il quale prendere le giuste misure

Quando si utilizza la pinzetta è necessario muoversi con la dovuta cautela. Infatti, il rischio sarà sempre quello di rimuovere più peli da un lato rispetto all’altro senza neanche rendersene conto.

Per scongiurare questa evenienza è fondamentale prendere le giuste misure, come quando si disegna la forma desiderata con la matita. Dunque, bisognerà posizionare la matita in modo verticale sul proprio naso in modo tale da stabilire il punto iniziale dell’arco, dopodiché andrà spostata in direzione delle pupille per individuare il punto più alto. Infine, aprendola ad arco sarà possibile stabilire la porzione finale, detta coda, dell’arcata sopraccigliare.