HomeBellezzaCome eliminare i cuscinetti di grasso

Come eliminare i cuscinetti di grasso

L’adipe localizzato è la bestia nera di molte donne e anche di alcuni uomini, sebbene ne siano tendenzialmente meno soggetti. Per quanto ci si impegni, non esistono cibi particolari, esercizi mirati né creme specifiche in grado di mandar via quegli antiestetici cuscinetti che si formano soprattutto nella zona dei fianchi e delle cosce, rendendo la silhouette meno armonica.

Proprio come la cellulite, gli accumuli adiposi localizzati non hanno nulla a che fare con il peso, tanto che possono presentarsi su qualsiasi corpo, anche asciutto e atletico. Ovviamente, dieta squilibrata e inattività ne favoriscono la formazione, ma possono spuntare anche su un corpo magro, dove si notano persino di più.

Premesso che il modo più veloce ed efficace per rimuovere i cuscinetti di grasso resta la liposuzione, esistono delle strategie alternative che richiedono più tempo rispetto alla chirurgia ma che permettono, con un po’ di pazienza, di eliminare anche l’adipe localizzato più ostinato. Quali? Andiamo a scoprirlo in questo articolo, dove ci concentreremo su come intervenire per eliminare i cuscinetti di grasso senza ricorrere al bisturi.

Adipe localizzato: perché si forma

Il motivo per cui ognuno di noi ha dei punti cosiddetti critici in cui il grasso tende a depositarsi più facilmente ed è più difficile da eliminare è che le cellule adipose non sono tutte uguali. Infatti, gli adipociti, in base al tipo di recettori che presentano, si distinguono in adipociti alpha e adipociti beta: i primi tendono a trattenere il grasso mentre i secondi sono più sensibili alla lipolisi. Ovviamente, i punti in cui si ha un maggior accumulo di adipe localizzato sono quelli in cui sono presenti più adipociti alpha.

A influenzare la formazione dei cuscinetti di grasso in determinate zone del corpo sono soprattutto la predisposizione genetica e l’attività ormonale: basti pensare come di solito le donne tendano ad accumulare grasso ostinato sui fianchi e sulle cosce (le cosiddette “culotte de cheval“), mentre gli uomini sull’addome (“maniglie dell’amore”). Oltre a questi fattori, entrano in gioco anche l’avanzare dell’età, il fumo, la sedentarietà e l’alimentazione scorretta.

Ma allora, se la tendenza ad accumulare grasso in punti specifici è determinata dal patrimonio genetico e, né la dieta né l’esercizio fisico, riescono a togliere l’adipe localizzato, come si può intervenire per eliminare i cuscinetti di grasso?

Come eliminare le adiposità localizzate

Com’è noto, il dimagrimento localizzato non esiste: solo la liposuzione permette di asportare il tessuto adiposo dalla zona interessata, ma anche con questa, se non ci si prende cura dell’alimentazione e non si fa sport in modo regolare, il grasso viene facilmente recuperato. Il modo migliore per eliminare l’adipe localizzato è dimagrire con un programma alimentare ipocalorico avente un obiettivo prestabilito a lungo termine (0,5 kg a settimana). Basta, infatti, perseverare con il regime ipocalorico per fa sì che si perdano centimetri anche nei punti più critici.

Poiché, come già accennato, la distribuzione del grasso è determinata da fattori ormonali, la dieta deve essere personalizzata tenendo conto degli assetti ormonali-metabolici che possono favorire l’accumulo localizzato di adipe. Ad esempio, in caso di conformazione a pera, l’approccio dietetico ideale dovrà cercare di limitare la produzione di estrogeni.

Per quanto riguarda l’attività fisica, i risultati migliori si ottengono con l’allenamento resistenze sovraccarico, che consente di sviluppare la forza muscolare, e l’allenamento metabolico. Quest’ultimo ha come scopo quello di aumentare il metabolismo basale e abituare il corpo a usare come fonte di energia anche i grassi. Di contro, fare esercizi mirati solo per buttare giù la pancia o ridurre le culotte de cheval non ha di per sé una grande utilità.