HomeBellezzaChirurgia estetica, un viaggio tra vantaggi e svantaggi

Chirurgia estetica, un viaggio tra vantaggi e svantaggi

Anche se, negli ultimi anni, il settore della chirurgia estetica ha fatto passi da gigante, esistono sempre pro e contro da valutare in vista di un eventuale intervento. Al giorno d’oggi, infatti, sono molte le alternative all’operazione, assolutamente non invasive, gestibili in day hospital e senza particolari precauzioni da seguire prima e dopo. Vediamo insieme, quindi, quali sono le tipologie di lavoro più richieste, i vantaggi e gli svantaggi.

Chirurgia estetica, i motivi per cui è molto apprezzata

Le ragioni per cui tante donne vorrebbero sottoporsi a un intervento per migliorare il proprio aspetto sono tante. La prima è piacersi di più davanti allo specchio, magari nel tentativo di superare alcuni complessi legati al proprio aspetto fisico o alla paura di invecchiare. Un altro motivo che porta ragazze e signore sotto i ferri in nome della bellezza è il desiderio di adeguarsi agli attuali canoni estetici o, più raramente, di voler assomigliare a un personaggio famoso.

I tipi di operazione più richiesti

Non essere mai contenti di ciò che abbiamo è tipico del genere umano, ma alcune parti del corpo rappresentano una vera e propria ossessione per molte persone, al punto da farne una malattia. Tra gli interventi con il numero più alto di richieste troviamo:

rinoplastica
mastoplastica
liposuzione.

Il primo tipo di operazione modifica l’aspetto del naso e, quando è associato a una correzione del setto nasale, migliora la respirazione. Il secondo, invece, aumenta il volume del seno, mentre il terzo mira alla rimozione del grasso in eccesso nei punti critici, specialmente sull’addome. Molto meno praticata, invece, la riduzione mammaria, richiesta dalle donne con un seno particolarmente abbondante.

Vantaggi della chirurgia estetica

Quando l’équipe di riferimento è competente, mette in guardia la paziente sugli obiettivi realmente raggiungibili e su eventuali conseguenze negative dell’intervento, questo può portare a un miglioramento della parte trattata e a un’armonizzazione dell’intera figura. Tra i punti a favore dell’operazione vale la pena ricordare:

risultato definitivo ed esteticamente gradevole
• aumento dell’autostima
• miglioramento delle relazioni
• maggiore libertà nel vestirsi e truccarsi.

Per ottenere il massimo da questo genere di trattamento, occorre avere piena consapevolezza delle modalità con cui avverrà il cambiamento e dei rischi sulla salute.

Chirurgia estetica, gli svantaggi

Anche se le operazioni sono diventate sempre meno invasive e solo in rari casi necessitano di qualche giorno di ricovero, sottoporsi a un intervento comporta alcuni rischi. Poniamo il focus su:

• problemi con l’anestesia
• uso di punti di sutura
• limitazioni post operatorie
• comparsa di cicatrici indelebili
• possibilità di rigetto (nel caso di inserimento di una protesi mammaria).

Naturalmente, bisogna tenere conto anche di altri imprevisti, come l’eventualità di sottoporsi a qualche ritocco in seguito a un’operazione non gestita a regola d’arte.

Come ridurre i rischi legati alla chirurgia estetica?

La soluzione va cercata all’origine: bisogna affidarsi a mani esperte e a strutture specializzate, dotate di attrezzature all’avanguardia per una perfetta riuscita dell’intervento. Anche il rispetto delle norme igieniche prima, durante e dopo l’operazione è fondamentale, per evitare infezioni e terapie antibiotiche di supporto. Il professionista ideale avrà piena padronanza delle tecniche più innovative del settore (comprese quelle su sedazione e anestesia) e seguirà continui corsi di aggiornamento. Il tutto contribuirà a dare più serenità alla paziente e a evitare, per quanto possibile, traumi futuri legati all’esperienza.