HomeBellezzaAvere una pelle sensibile può non essere un problema con alcuni piccoli...

Avere una pelle sensibile può non essere un problema con alcuni piccoli accorgimenti

La pelle sensibile

Molte persone affermano di avere una pelle sensibile, ma non tutti sanno, in realtà, di che cosa si tratti.
La pelle sensibile è una condizione molto fastidiosa che provoca bruciore, prurito e la classica sensazione del ‘tirarÈ. In alcuni soggetti queste situazioni sono costanti e fisse, mentre in altri sono determinate dall’esposizione ad alcuni fattori interni ed esterni, come ad esempio i raggi del sole o l’uso di particolari prodotti chimici aggressivi. È proprio per questo motivo che la pelle sensibile molto spesso appare alla vista completamente normale, anche se nasconde un vero e proprio problema.

Come comportarsi se si ha una pelle particolarmente sensibile

Se si ha una pelle sensibile è possibile seguire alcuni piccoli accorgimenti e accortezze per alleviare i fastidi che si possono provare.
Per prima cosa, si deve fare molta attenzione quando si sceglie qualsiasi prodotto che entrerà a contatto con la pelle: creme, saponi e detergenti, prodotti cosmetici, ma anche i tessuti con cui sono realizzati i nostri capi d’abbigliamento e il detersivo che utilizziamo per lavarli. Chi ha una pelle sensibile, infatti, dovrebbe preferire abiti realizzati con fibre naturali come lana, cotone e lino trascurando quelle sintetiche e artificiali che ostacolano la naturale traspirazione della cute.
Scegliendo i prodotti che verranno applicati sulla cute è fondamentale soffermarsi a leggere con attenzione gli ingredienti riportati in etichetta. Attenzione, però, perché non si deve credere che sia sufficiente cercare dei componenti ‘naturali’ per non avere nessuna conseguenza negativa perché molti estratti vegetali, pur essendo, appunto, di origine totalmente naturale, possono essere aggressivi per la pelle. Si devono, invece, cercare all’interno dei prodotti solo delle sostanze che siano effettivamente delicate. Per non sbagliare è sufficiente acquistare soltanto prodotti che riportino l’indicazione ‘per pelli sensibili’.
Alcuni gesti quotidiani, poi, possono dare un grande sollievo, come per esempio una buona idratazione e un successivo nutrimento con una crema specifica e la sua pulizia con prodotti delicati che evitino di arrossarla e desquamarla.
Se, però, l’irritazione e il bruciore sono persistenti, sarà necessario rivolgersi a un medico dermatologo.

Attenzione all’esposizione solare

L’esposizione ai raggi del sole è uno dei principali fattori di rischio esterni che possono alterare la pelle sensibile. Non per questo, però, chi soffre di tale condizione deve evitare di stare all’aperto, anzi! I vantaggi e i benefici che il sole può portare alla nostra salute, infatti, sono ben noti e non possono di certo essere trascurati. Primo fra tutti, la produzione della vitamina D che tanto bene fa alle nostre ossa.
Ecco perché anche chi ha una pelle sensibile deve assolutamente esporsi al sole, ma con alcune attenzioni. In primo luogo dovrà evitare le ore centrali della giornata (dalle 12,00 alle 15,00 circa) perché è in questo intervallo che i raggi giungono perpendicolari sulla terra e, quindi, penetrano maggiormente attraverso la nostra pelle.
In secondo luogo, si deve sempre applicare una crema con filtro protettivo nei confronti dei raggi UVA e UVB. Attenzione a non commettere l’errore di utilizzare questi prodotti solo nei primi giorni, credendo che con il tempo il nostro corpo si abitui. Prestiamo anche molta cura se siamo in montagna o se la giornata è nuvolosa: è sbagliato pensare che in questi casi i raggi siano meno potenti!