HomeAlimentazioneFrutta estiva: perché è importante mangiarla e in che quantità

Frutta estiva: perché è importante mangiarla e in che quantità

Con l’arrivo dell’estate cambiano anche le nostre abitudini alimentari: cibi meno pesanti, pasti più leggeri e porzionati e, soprattutto, tanta frutta. Non è un segreto, infatti, che la frutta in estate sia un vero e proprio toccasana per il nostro organismo perché ci idrata, ci nutre e ci aiuta a combattere il caldo.

I benefici della frutta estiva

Consumare verdura e frutta in estate è il modo migliore, e quello più sano, per combattere il caldo intenso della stagione, prevenire colpi di calore e restare sempre idratati.
Ecco perché in estate il consumo di frutta è maggiormente consigliato, in quanto questa è ricca di acqua (prima fonte di idratazione e di benessere per il nostro corpo e la nostra mente) e di proprietà diuretiche ci aiutano a eliminare le tossine in eccesso dal nostro organismo. Un ulteriore beneficio della frutta in estate è la sua ricchezza di fibre e di potassio: infatti, mangiare un certo quantitativo di frutta al giorno può aiutare a combattere i sintomi della spossatezza propri della stagione estiva e del forte caldo. Infine, alcuni tipi di frutta riescono anche a favorire una corretta digestione, facendoci sentire meno gonfi, più leggeri e in forze per affrontare la giornata.
Alcune tipologie di frutta, poi, principalmente quelle di colore rosso come fragole e ciliegie, sono presenti antiossidanti ideali per combattere l’invecchiamento della pelle e, restando sempre in tema estate, anche patologie dovute all’eccessiva esposizione solare come rossori e scottature.
Altri frutti, inoltre, come le pesce, le albicocche, l’anguria e il melone, sono ricchi di vitamina C, che ha numerose proprietà benefiche: fortifica unghie e capelli (che in estate subiscono uno shock termico e tendono a indebolirsi) e agevola l’assorbimento di ferro e la produzione di collagene. Infine, la ciliegina sulla torta (restando in tema frutta), è che la frutta estiva come questa che abbiamo descritto, stimola la produzione di melatonina garantendo un’abbronzatura ottimale e resistente.

Quanta frutta si deve mangiare al giorno

Visto i notevoli benefici che la frutta estiva apporta al nostro organismo e vista la quantità di energia e liquidi che in estate tendiamo a perdere per combattere il caldo, è consigliabile mangiare al giorno almeno tre porzioni di frutta, per un totale di 500g.

Mangiare tanta frutta, in particolar modo in estate, fa bene perché compensiamo lo spreco di liquidi, immettiamo nel nostro corpo zuccheri positivi, ci fornisce le energie per affrontare la giornata e ci mantiene idratati. Tuttavia, anche in estate, ingerire un quantitativo di frutta superiore al dovuto potrebbe non essere positivo per il nostro organismo, causando degli effetti collaterali anche piuttosto gravi.

Lo zucchero semplice che costituisce la frutta, il glucosio, se consumato in maniera eccessiva, potrebbe portare all’aumento dei trigliceridi; in più, bisogna ricordare che la frutta non è totalmente priva di calorie e anche se riusciamo a mangiarne in grandi quantità perché è leggera e rinfrescante, questa potrebbe farci superare facilmente il nostro apporto corretto di calorie giornaliero.
Una buona regola prevede che la frutta va mangiata lontano dai pasti, soprattutto se si tratta di pasti abbondanti e si è soggetti a problematiche gastrointestinali. Questo perché le fibre presenti nella frutta potrebbero rallentare il transito del cibo e di conseguenza anche la digestione. Ma, a parte queste piccole accortezze, mangiare la frutta in estate è un ottimo modo per mantenersi attivi e sopravvivere anche alle giornate più afose e calde, con il piacere di mangiare qualcosa di buono.