HomeAlimentazioneDCA: arriva l'app innovativa per la prevenzione di questi disturbi

DCA: arriva l’app innovativa per la prevenzione di questi disturbi

I disturbi del comportamento alimentare sono ormai molto frequenti, soprattutto tra i giovanissimi. Sono maggiormente le ragazze a soffrirne, le quali già dall’adolescenza iniziano a confrontarsi con gli altri riguardo al proprio aspetto fisico. Vedendo, soprattutto sui social, fisici statuari di modelle e celebrities e standard quasi irraggiungibili, si tende a pensare che la propria fisicità non sia quella ‘’giusta’’. In realtà, però, ciò che vediamo sulle foto pubblicate in giro per il web non è la realtà. Difatti, gran parte di queste immagini sono ritoccate, ma sono così tante che si è ormai creato lo stereotipo della donna dal fisico a clessidra, con forme evidenti, gambe lunghissime e vita stretta. Per evitare che ancora così tante persone cadano nella trappola dei disturbi alimentari è importante cercare di sensibilizzare le persone, dando il più possibile informazioni a chi sente di avere pensieri che potrebbero sembrare un sintomo del dca. A questo può contribuire l’app Sc(hi)accia-dca, che ha l’obiettivo di contrastare tale fenomeno. Scopriamo di più sulla sua funzionalità.

Come funziona l’applicazione Sc(hi)accia-dca?

Sc(hi)accia-dca è stata progettata e creata da esperti del settore, precisamente dal Centro per la diagnosi e la cura dei disturbi del comportamento alimentare della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo. La finalità dell’applicazione è quella di fornire aiuto e sostegno a giovani e adulti che non hanno un rapporto sano con il cibo, ma a cui ancora non è stato diagnosticato un disturbo alimentare. Ciò significa che l’app non necessariamente si debba sostituire a un percorso in presenza con medici e nutrizionisti, ma vuole tendere la mano per fare il primo passo verso la consapevolezza di sé e del rapporto con il proprio corpo. Allo stesso tempo, però, chi volesse seguire un percorso a distanza, su misura delle proprie esigenze, con quest’applicazione innovativa può finalmente farlo. Saranno fornite informazioni da un esperto in dca, quindi l’applicazione risulta altamente affidabile e professionale. Anche soltanto chi volesse saperne di più su queste tematiche così delicate, magari per capire come affrontare un caso di dca che li tocca da vicino, può rivolgersi ai professionisti di Sc(hi)accia-dca, i quali sapranno dare le risposte giuste ad ogni quesito.

La confort zone del paziente: un colloquio con il medico meno invasivo

Il fatto che tutto si svolga online fa in modo che il paziente si senta meno invaso nel suo spazio. Andare dal medico perché si pensa di avere un problema, e soprattutto quando tale problematica riguarda la propria mente, risulta difficile per tutti. Soprattutto, la parte più complessa è prenderne consapevolezza e ammettere a se stessi di aver bisogno di aiuto. L’applicazione Sc(hi)accia-dca, grazie ad un’equipe di esperti in disturbi del comportamento alimentare, esaminerà ogni singola situazione in modo da fare una valutazione diagnostica. Ma il lavoro dei medici non si ferma qui: infatti, l’obiettivo, sempre con l’approvazione del paziente, è quello di iniziare un percorso di guarigione, grazie al sostegno di varie figure mediche tra cui nutrizionisti, psicologi e psichiatri. Verrà creato un piano alimentare apposito per ogni individuo, in base alla sua problematica inerente al cibo. I piani alimentari, quindi, varieranno per ogni disturbo, considerando se il paziente abbia bisogno di reintegrare o perdere peso. Ma i dca non riguardano i kg sulla bilancia, in quanto si tratta di malattie mentali. È necessario, dunque, lavorare soprattutto sulla mente del paziente.