HomeAlimentazioneChe cos'è la dieta Dukan? Funziona davvero? Scopriamo insieme di cosa si...

Che cos’è la dieta Dukan? Funziona davvero? Scopriamo insieme di cosa si tratta

Negli ultimi anni, la dieta Dukan è stata posta al centro di numerose discussioni tra irremovibili sostenitori della stessa e chi, invece, la ritiene un metodo poco salutare per dimagrire. Ormai, ogni nutrizionista ha la propria idea riguardo la famigerata dieta Dukan ma, prima di farcene una nostra e decidere se intraprendere questo particolare percorso alimentare, è bene capire di cosa realmente stiamo parlando.

Cos’è la dieta Dukan

Negli anni 2000, il medico e nutrizionista francese Pierre Dukan ha pubblicato un libro intitolato “Je ne sais pas maigrir” (“Io non so dimagrire”) per illustrare le sue scoperte e quella che, nel giro di poco tempo, è stata definita “la soluzione definitiva al sovrappeso”.

Si tratta di una dieta dimagrante iperproteica, articolata in 4 distinte fasi, pensata per dimagrire velocemente, in maniera assolutamente naturale.

La dieta Dukan predilige cibi ad alto contenuto proteico, perché sono meno calorici e danno un immediato senso di sazietà. Normalmente, i diversi regimi dietetici puntano all’eliminazione definitiva di alcuni alimenti e alla riduzione del numero di pasti al giorno. La dieta Dukan, invece, è descritta proprio come la dieta che ti permette di dimagrire “mangiando 100 alimenti a volontà” e dalle 3 alle 5 volte al giorno.

Ma, in questo modo com’è realmente possibile perdere peso e, soprattutto, non riprenderlo? Il merito della dieta Dukan è da attribuirsi proprio alla struttura in 4 fasi, ben distinte e con funzioni specifiche, volte a impedire quell’odioso effetto yoyo del “dimagrire per poi riprendere subito peso non appena si smette la dieta”.

Fase 1: attacco

La fase d’attacco breve punta a una perdita di peso rapida e motivante. Perdere peso in pochi giorni ci spinge a continuare, ci incoraggia e fa crescere la fiducia in noi stessi. Ecco perché durante questa fase è posta particolare attenzione allo stato motivazionale, ossia a ciò che ci spinge a intraprendere un percorso dimagrante. Lo scopo è quello di prendere consapevolezza del nostro corpo ma anche della nostra mente, così da poter affrontare tutte le fasi al meglio.

La fase d’attacco va dai 3 ai 7 giorni, in base al peso che si vuole perdere. Per questo, prima di iniziare, è meglio porsi uno specifico obiettivo da raggiungere e capire qual è il giusto peso, così da costruire un programma su misura per noi. Sono individuati ben 72 alimenti a base di proteine pure che è possibile mangiare letteralmente a volontà.

Spesso, ci si chiede come si possa perdere tra 1,5 e 5 kg con la dieta Dukan in appena una settimana. La risposta è proprio in ciò che si assume: le proteine. Assumendo tante proteine in poco tempo, infatti, il nostro corpo prenderà l’energia dalla massa grassa, conservando la massa magra di muscoli e ossa.

Fase 2: crociera

Durante la fase crociera si mantiene l’assunzione dei 72 alimenti a proteine pure e si aggiungono 28 verdure. 100 è proprio il numero di cibi che la dieta Dukan autorizza a mangiare per sempre e a volontà. Si procede con questa fase fintantoché non si raggiunge il peso ideale prefissato. Di norma, si perde 1 kg alla settimana, l’importante è alternare giorni di sole proteine pure a giorni di proteine pure e verdure.

Fase 3: consolidamento

La fase di consolidamento consiste nel trasformare quella che è iniziata come una dieta ferrea in uno stile alimentare stabile. La durata è di 10 giorni per ogni chilo perso nelle fasi precedenti. Inoltre, si reintroducono pane, frutta e formaggio. Questi si aggiungeranno in maniera stabile ai 100 cibi autorizzati a volontà. Ma, il giovedì è “giornata sentinella”, solo alimenti a base di proteine pure.

Fase 4: stabilizzazione

L’ultima fase è essenziale per l’ottima riuscita del percorso intrapreso. Cessa la dieta, il nostro regime alimentare si è ormai consolidato, si torna a un’alimentazione libera. Solo tre accorgimenti: assumere 3 cucchiai di crusca d’avena al giorno, fare almeno 20 minuti di attività fisica e non dimenticare mai il giovedì proteico.