HomeAlimentazioneAmi lo sport ma vuoi seguire una dieta vegetariana? Si può!

Ami lo sport ma vuoi seguire una dieta vegetariana? Si può!

Le dieta a base di alimenti di origine vegetale fa ormai parte della nostra quotidianità. Se anni addietro non mangiare carne e pesce rappresentare ancora un tabù , attualmente sono sempre di più le persone che scelgono uno stile di vita e alimentare sano, ecologico e sostenibile. Perché sì, eliminare la carne dalla propria dieta è anche un atto d’amore per il pianeta, in quanto l’industria degli allevamenti intensivi ha un altissimo tasso di inquinamento. Nonostante si sia superata la prima fase di interrogativi e pregiudizi verso il regime alimentare vegetariano, è ancora forte l’ignoranza su alcune questioni, ad esempio, la dieta vegetariana fa male? L’assenza di carne può comportare carenze nutritive? In seguito, daremo risposte a queste semplici domande, prendendo in considerazione una specifica tipologia di individui: gli sportivi. Chi fa sport, difatti, ha bisogno di reintegrare le proprietà benefiche nel proprio corpo e assumere le calorie perse con l’allenamento. Solitamente, uno sportivo mangerebbe mangiare carne e derivati, soprattutto per l’alto apporto di proteine. Ma è davvero necessario?

Quali carenze nutritive potrebbe comportare la dieta vegetariana seguita da uno sportivo?

A differenza di ciò che si possa pensare, non è la carenza di proteine a rappresentare un rischio, per chi segue la dieta vegetariana. Infatti, tali sostanze nutritive possono essere assunte anche da alimenti di origine vegetale. Sicuramente la carne contiene proteine a volontà: ma non è l’unica. Ciò che, invece, potrebbe mancare se non si consumano alimenti da fonti animali è la vitamina B12, contenuta in grandi quantità nella carne di pollo, di coniglio, di manzo e di vitello, ma anche in pesci come sgombro, sardine, tonno, salmone, triglia. Conosciamo bene l’importanza delle vitamine del gruppo B per la corretta funzione dell’organismo. Questa vitamina ha tantissime funzioni, legate al sistema nervoso ma anche alla formazione di globuli rossi nel sangue. Una sua carenza a livelli gravi potrebbe causare stanchezza eccessiva, nervosismo, disturbi dell’umore e della memoria, fino ad arrivare all’anemia perniciosa. La presenza di vitamina B12 nel regime alimentare di uno sportivo è fondamentale per i globuli rossi e quindi della resa ottimale nell’attività sportiva. Ma gli alimenti di origine vegetale contengono questa sostanza nutritiva? Alcuni sì, ma in minime quantità. Ciò che non deve mancare nell’alimentazione di uno sportivo che segue la dieta vegetariana è la frutta secca come mandorle e noci, ma anche semi di girasole e latte di soia.

Cosa deve consumare uno sportivo vegetariano?

Purtroppo, c’è da dirlo: nonostante il consumo ridotto di carne sia un’abitudine positiva che tutti dovrebbero assumere, mangiarla anche in minime quantità apporta all’organismo importanti sostanze nutritive. Ed è chiaro che tali sostanze in una dieta a base vegetale andrebbero a ridursi. Uno sportivo, dovendo avere più forza per la sua attività fisica, avrà necessità, in qualche modo, di assumere sostanze benefiche specifiche. Senza dubbio, non deve mancare il consumo di legumi, fondamentali per la salute e le uova, in quanto contengono vitamina B12. Sarà, però, necessario integrare le carenze nutritive anche con integratori alimentari o barrette proteiche per gli sportivi. Quasi scontata è l’importanza dell’introduzione nella propria dieta di cibi che contengono carboidrati, come pasta, riso, patate. Soprattutto nel caso di una dieta vegetariana, in cui potrebbero verificarsi altre carenze, le sostanze responsabili dell’apporto di energia sono fondamentali.